Escursioni etna, tour etna, trekking etna Escursione etna, escursioni sull’etna, tour etna, trekking etna, etna vulcano

Notizie

Betula Aetnensis, la Signora dei boschi

La Betulla dell’Etna: dal Nord Europa alle falde dell’Etna

Cortecce bianche e lisce con disegni a forma di occhio che si stagliano contro il nero della sabbia vulcanica dell’Etna: questo è lo scenario che offre la Betula Aetnensis, la Signora dei Boschi che dai freddi paesi del Nord Europa è arrivata sul vulcano siciliano.

Betula Aetnensis sull'Etna
Betulla dell’Etna

La storia della Betula Aetnensis

La Betulla Bianca ( Betula Pendula) è un albero dalle foglie caduche, resistente al freddo e diffusa principalmente nelle aree settentrionali dell’emisfero boreale: Svezia, Finlandia e Siberia. Conosciuta soprattutto per la sua capacità di colonizzare terreni poco fertili permettendo la ricostruzione del bosco, la si trova anche in Sicilia, esattamente sull’Etna. Questo fu possibile grazie agli effetti dell’ultima glaciazione: grazie alle temperature particolarmente basse e quindi favorevoli alla sua diffusione, la betulla è riuscita ad espandersi in diverse zone tra cui la Sicilia. Quando poi alla fine della glaciazione le temperature si ristabilirono e tornarono ad innalzarsi, la betulla in Sicilia andò scomparendo, restando tuttavia nelle terre dell’Etna, unica zona il cui clima le permise di sopravvivere. Con il passare del tempo la betulla dell’Etna si è adattata al clima ed al terreno del vulcano fino a diventare una specie esclusiva di quella parte di territorio: la Betula Aetnensis.

Caratteristiche della Betula Aetnensis

A differenza di quella europea la betulla dell’Etna si presenta con un tronco chiaro ( visto il terreno arido non vi sono abbastanza licheni che possano colonizzare il fusto) caratterizzato da particolari disegni a forma di occhio, ed una chioma leggera e luminosa. Si trova specialmente sul versante Nord-est dell’Etna tra i 1450 ed i 2000 metri, ed è simbolo di forza e di rinascita: si tratta infatti di una specie pioniera che colonizza il terreno preparandolo per le specie successive.
Una zona di particolare interesse per l’osservazione di questa particolare specie arborea è quella attorno ai Monti Sartorius.

Partecipando ad uno dei nostri tour sull’Etna avrete sicuramente la possibilità di ammirare questi esemplari così unici, con i loro colori che contrastano il nero della sabbia vulcanica.